Piante nane: cosa sono, come coltivarle e tutte le cose da sapere

La coltivazione delle piante nane ti offre la possibilità di non rinunciare alla passione per il giardinaggio pur avendo degli spazi ridotti da destinare al tuo pollice verde.

Sono svariati i trucchi che devi conoscere per poter coltivare con successo le tue piante nane. Ma non ti preoccupare: una pianta nana è semplice da coltivare e per questo motivo è molto apprezzata anche da tutti coloro che risultano essere dei principianti.

Ma cosa sono le piante nane? E cosa devi sapere per coltivarle al meglio?

Abete nano
Un esemplare di abete nano

Cosa sono le piante nane

Una pianta viene definita nana se riesce a crescere in uno spazio ristretto producendo comunque frutti saporiti.
La pianta nana può essere tale a livello genetico; tuttavia la pianta nana può anche essere una pianta in miniatura da innesto.

Le piante nane sono ideali per chi desidera coltivare dei frutti pur non avendo a disposizione un orto o un giardino. Questo genere di pianta può tranquillamente essere coltivato in terrazza o in balcone dal momento che riesce a crescere bene anche in un semplice vaso.

I risultati che otterrai saranno ugualmente soddisfacenti: una pianta nana da frutto produce frutti saporiti al pari di un albero da frutto normale.

Come coltivare le piante nane

Diversamente da quanto potresti pensare, coltivare le piante nane è semplice e soprattutto non è molto diverso dal coltivare piante normali. Anzi, i trattamenti invernali delle piante nane presentano una quantità minore di problematiche e anche la potatura è semplificata date le ridotte dimensioni della pianta.

Come si coltiva una pianta nana?

Per prima cosa scegli il vaso nel quale la pianta dovrà vivere e riempilo con un po’ di compost maturo.
Una volta che avrai trapiantato la tua pianta da frutto riponila in un luogo soleggiato e al riparo dal vento.
È importante che la pianta viva in queste precise condizioni in modo da non danneggiare la sua fruttificazione.

Ricordati di innaffiare la tua pianta nana in modo regolare. D’estate dovrebbe sempre avere acqua a disposizione mentre durante l’inverno dovresti inumidire la terra solo quando è diventata asciutta. Il vaso in cui la pianta vivrà deve possedere un diametro minimo di 40 cm. Per evitare che si formi il ristagno idrico ti consiglio di riporre un po’ di argilla espansa sul fondo del vaso.

Le piante nane sono più vulnerabili rispetto a quelle di taglia normale e perciò dovrai stare attento alle malattie fungine.

I vantaggi delle piante nane

Perché dovresti scegliere di coltivare una pianta nana? Le piante nane possiedono un’estetica davvero gradevole e sono facili da coltivare. Possono essere collocate negli ambienti più disparati dal momento che alcune varietà sono ottime anche per la coltivazione in ambienti interni.

La potatura delle piante nane è semplificata dall’altezza ridotta. I fusti sono più bassi e anche i rami sono più corti. Una pianta nana è altamente produttiva: i frutti sono numerosi grazie alla capacità della pianta di autoimpollinarsi mentre le radici possono essere usate nel campo dell’erboristeria.

Tipologie di piante nane

Sono otto le categorie di piante da frutto coltivabili in formato ridotto. Si tratta del melo, del pesco, della vite, dell’ananas, del melograno, della nettarina, del fico e della carambola.

Le piante nane da giardino sono invece state create per decorare questo ambiente e possono essere delle piante piccole per costituzione naturale oppure delle piante selezionate dall’uomo nel corso del tempo per svilupparsi poco.

Le piante nane da giardino hanno una funzione principalmente decorativa, come per esempio la palma nana. Possono servire a ravvivare o a delimitare un certo ambiente. La loro funzione può anche essere produttiva, come accade nel caso delle piante nane odorose.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO