Quando si raccoglie l’origano? Il periodo giusto e indicazioni utili

L’origano appartiene alla famiglia della menta. Ad esso sono quindi collegate molte erbe più famose come il timo e la salvia. È una pianta erbacea perenne che può raggiungere un’altezza compresa tra 20 e 70 cm, cresce più o meno in modo eretto e i suoi rizomi sotterranei spingono i germogli sulla superficie della terra.

La sua resistenza invernale è relativamente limitata a causa della sua origine mediterranee. D’altra parte, questa pianta medicinale è relativamente facile da curare in termini di irrigazione.

La raccolta

Quando si raccoglie l'origano

Durante l’estate l’origano può essere raccolto interrottamente da maggio, ma c’è anche la possibilità di raccogliere le foglie singolarmente. Tuttavia, è più facile tagliare i germogli nel loro insieme a circa 10 cm sopra la superficie della terra, questo metodo più radicale può essere fatto in qualsiasi momento, poiché l’origano è molto robusto e continua a germogliare fino a settembre.

Se i germogli di origano diventano troppo lunghi e spogli nel corso degli anni, si consiglia una potatura più radicale all’inizio della primavera prima che appaiano nuovi germogli. Questo favorisce anche la ramificazione della pianta.

A seconda del tipo o della varietà, l’origano è resistente. Tuttavia, le specie più resistenti sfidano solo temperature intorno a -15 ° C. Pertanto, è consigliabile una protezione aggiuntiva in inverno per le piante con cespugli o pacciame. I vasetti di origano possono essere semplicemente riposti in un luogo più riparato e caldo nella stagione fredda.

Nota Bene: se la potatura viene eseguita nell’anno prima della fioritura, la fioritura potrebbe fallire. Entrambi i metodi di raccolta stimolano la ramificazione della pianta.

Quando si raccoglie l’origano?

Rami di origano essiccati

Il quando è più importante del come. Per ottenere la migliore resa possibile delle sostanze aromatizzanti, va raccolto in estate, poco prima della fioritura. Certo, l’origano può essere usato appena raccolto, ma non è necessario. Esistono le seguenti opzioni per prolungare la durata di conservazione dell’origano senza una grave perdita di sapore:

  • Secco: i germogli raccolti vengono appesi a testa in giù e possono essere essiccati all’aria senza perdita di aroma. Dopo che il processo di essiccazione è completo, le foglie vengono separate dagli steli e conservate in assenza di aria. Ciò significa che la spezia può essere utilizzata molto bene per più di un anno.
  • Congelamento: le foglie di origano appena raccolte possono essere congelate e rimosse secondo necessità.
  • Macerazione: i germogli interi o le singole foglie possono essere ammollati nell’olio d’oliva. L’olio assorbe gli oli essenziali dell’origano ed è ideale per cucinare, marinare o preparare un condimento per l’insalata. Le parti della pianta devono essere completamente ricoperte dall’olio per contrastare la formazione di muffe a contatto con l’aria.

Per avere successo nella coltivazione dell’origano, devi scegliere attentamente la posizione nel tuo giardino.

Questa pianta officinale, originaria della regione mediterranea, predilige un luogo soleggiato e caldo, come basilico e prezzemolo. Inoltre, il terreno deve avere proprietà permeabili, ad esempio deve avere una certa proporzione di sabbia, e non essere troppo ricco di sostanze nutritive.

I terreni argillosi o argillosi pesanti possono essere allentati incorporando sabbia o humus e preparati per la coltivazione dell’origano. I requisiti si applicano sia alla lettiera che all’invasatura. Poiché l’origano forma una densa zolla, il contenitore per coltivare il vaso non dovrebbe essere troppo piccolo.

Moltiplicazione

Ci sono tre modi per propagare l’origano. Se possiedi una pianta di origano, o se ce n’è una nelle vicinanze, puoi separare i giovani germogli freschi da una pianta esistente e propagare con talee. Si fa in primavera, metà maggio è il periodo migliore.

L’intera pianta, compresa la zolla, può essere divisa e separata in più piante. Ovviamente si possono acquistare anche piante di origano, tenendo conto di una serie di accorgimenti, e cioè che devono adattarsi lentamente alle condizioni esterne del giardino, perché nelle serre dei vivai sono protette dalla luce solare diretta e dai raggi solari e dalle temperature notturne fresche.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO