Piante che non vanno d’accordo: gli abbinamenti da evitare

Molto spesso chi si appresta a realizzare un proprio spazio verde o un orto non sa che alcune tipologie di piante non vanno per nessun motivo messe vicine. Molte persone pensano che per avere un giardino o un orto perfettamente curato occorra solamente sistemare le piante a una certa distanza tra di loro perché abbiano il giusto spazio per crescere, utilizzare concimi di qualità, annaffiare in modo adeguato e garantire la corretta esposizione al sole.

Queste sono, ovviamente, tutte azioni importanti e da non trascurare, ma da sole non sono sufficienti. Bisogna anche abbinare correttamente le piante che si pensa di piantare vicino.

Come abbiamo visto per i pomodori, quest’azione è particolarmente importante perché le piante si influenzano a vicenda e, quindi, un giusto abbinamento genera un beneficio, mentre mettere vicine piante non abbinabili comporta delle problematiche.

La consociazione delle piante

Pianta

Ciò che regola gli abbinamenti delle piante sono le consociazioni, ovvero precise regole da seguire quando si decide di piantare dei vegetali, sia per fini estetici sia per creare il proprio orto.

Una delle prime regole da seguire è quella di evitare di piantare, a poca distanza, ortaggi che appartengono alla medesima famiglia. Il motivo è semplice. Due specie vegetali che fanno parte della stessa famiglia o sono molto simili, hanno bisogno di uguali proprietà nutritive. Inoltre, se una delle piante viene infestata da parassiti potrebbe, inevitabilmente, trasmetterli a un’altra pianta vicina, sensibile a quel tipo di attacco.

La regola d’oro è abbinare piante che non si ostacolano tra loro nella crescita ma che, al contrario, si aiutano, garantendosi protezione e benessere. In termini semplici questa è quella che, nel settore, viene conosciuta come consociazione, ovvero quella tecnica di coltivazione che prende in considerazione gli abbinamenti tra diverse tipologie e specie di piante.

Gli abbinamenti da evitare

Lattuga

Gli abbinamenti da evitare sono tantissimi, per cui è impossibile poterli elencare tutti. Ma ce ne sono alcuni particolarmente degni di interesse, perché portano agli errori più tipici per chiunque abbia un orto con ortaggi, piante aromatiche e altro.

Tra le piante di cui abbiamo già parlato troviamo il cavolfiore, che non dovrebbe mai stare vicino ad aglio, cipolle, patate e aneto. Sempre le cipolle sono un problema per i piselli, che hanno problemi anche con aglio e patate.

Abbiamo già visto invece vicino a cosa conviene mettere il pomodoro, ma non abbiamo detto che deve invece essere tenuto lontano da patate, rape e finocchi. Proprio a proposito dei finocchi, in realtà questi sarebbe bene tenerli lontani un po’ da tutto. Inoltre le zucche e le zucchine non devono essere messe vicino ai cetrioli. Un altro importante avvertimento riguarda la vicinanza tra patate, peperoni, pomodori e melanzane: assolutamente da evitare.

Per quanto riguarda le piante aromatiche, uno degli errori più comuni è quella del prezzemolo. Questo non deve essere messo vicino a lattughe e carote. Ma è importante anche l’abbinamento tra diversi tipi di erbe aromatiche, come il basilico per esempio, che non deve essere messo vicino a ruta e salvia. Se poi avete deciso di piantare della camomilla, evitate di mettere la menta vicina.

Gli esempi sarebbero ancora numerosi e, sicuramente, queste regole possono sembrare difficili da seguire e ricordare. Ma mettendo in pratica, pazientemente, questi consigli si potrà riuscire a migliorare notevolmente la buona riuscita del raccolto del proprio orto.

Collocare in modo corretto le verdure all’interno del proprio orto, calcolando le giuste vicinanze e lontananze, può determinare la regolare crescita della pianta oltre che allontanare parassiti dannosi e, al contrario, attrarre quelli che apportano degli effetti benefici.

Non seguire le regole delle consociazione può determinare il fallimento di un interno raccolto.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO