Quando piantare le zucche e le cose da fare perché crescano bene

La semina delle zucche prevede la considerazione di diversi fattori. Questa pianta di origine americana e appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, si conserva molto bene per diversi mesi quando viene raccolta e può essere utilizzata non solo in cucina ma anche a scopo ornamentale, specialmente in occasione della festa di Halloween.

zucche vicino al carro

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla coltivazione della zucca e quando può essere messa a dimora. Come sappiamo dal calendario della semina, la scelta del momento giusto per piantare la zucca è una condizione indispensabile per ottenere un soddisfacente raccolto. Abbiamo visto già che i pomodori si seminano in primavera e che invece i carciofi possono essere piantati in autunno o in primavera, a seconda dell’area di coltivazione.

Zucca: terreno e clima

Prima di seminare la zucca occorre considerare che questa pianta richiede spazio a sufficienza, visto che alcune varietà possono raggiungere anche dimensioni considerevoli.

La zucca predilige un terreno ben drenato, ricco di sali come il potassio che renderanno il sapore più dolce e gustoso, con un pH compreso fra 6 e 7.

Diversamente da quello che si potrebbe pensare, la zucca è molto esigente e teme il gelo, per cui necessita di un clima mite con temperature che non scendano mai oltre i 10 gradi. L’eccessivo freddo può provocare la morte della pianta o farla rimanere nana per tutto il suo ciclo di vita.

Quando è possibile seminare la zucca?

Sicuramente il periodo ideale è in primavera, per ottenere così le zucche durante l’autunno. I semi si possono mettere direttamente nell’orto a partire dal mese di aprile. Tuttavia, alcuni scelgono di anticipare la semina a marzo, ricorrendo ai vasetti, da tenere al riparo in un ambiente riscaldato. In questo caso si dovrà successivamente procedere al trapianto entro maggio.

quando piantare le zucche

Il germoglio appare dopo circa 2 settimane dalla semina. Rispetto a tanti altri ortaggi il ciclo di crescita della zucca è molto più lungo, ma può dare grandi soddisfazioni. In genere una zucca è pronta da raccogliere dopo 4 mesi dalla semina. Ecco spiegato come mai questo ortaggio tipicamente dell’autunno, ovvero di settembre e ottobre, richiede una semina primaverile.

Allo stesso modo di come avviene per la maggior parte delle verdure, anche la zucca viene piantata durante i periodi di luna crescente. Sebbene non esistano prove scientifiche che dimostrano l’effettivo impulso positivo della luna, la tradizione contadina continua a far riferimento al calendario lunare per ottenere un raccolto ricco.

Semina della zucca

I semi della zucca sono abbastanza grandi e si possono consumare anche tostati. Presentano una forma arrotondata e una punta che coincide con il verso in cui spunteranno le radici. Ecco perché si consiglia di mettere il seme all’interno del terreno con la punta rivolta verso il basso.

A questo proposito sarà necessario praticare delle piccole buche in cui adagiare i semi in modo che possano rimanere a circa 3 centimetri di profondità. In seguito alla germogliazione nell’orto sarà possibile procedere con la diradazione, eliminando le piantine in eccesso. Quando invece i semi sono dentro ai vasi si proseguirà con il trapianto.

semi di zucca

In tutti i casi bisogna considerare che la pianta si sviluppa in senso orizzontale in quanto strisciante. L’ideale è posizionare le piante in maniera parallela, facendo in modo di farle crescere in direzioni opposte. Questo accorgimento permetterà di ottimizzare lo spazio nell’orto. In base alla varietà la coppia delle piante deve essere distanziata di circa 2 metri.

Una concimazione di fondo a base di potassio, cenere e letame può favorire la sana e rigogliosa crescita della pianta. La zucca preferisce terreni smossi e ben ossigenati, per questo è importante zappettare periodicamente. In questo modo non solo si muove il terreno ma sarà possibile eliminare anche le erbe infestanti. Le annaffiature si eseguono evitando ristagni che potrebbero ammalare la pianta e devono essere intensificate durante la fioritura.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO