Il latte fa bene alle piante? Ecco tutti i suoi utilizzi per la loro cura

Il latte non è un alimento salutare solo per animali e persone, ma fa davvero bene anche alle piante. Il latte bovino, in particolare, è ricco di sostanze nutritive fondamentali, quali ad esempio aminoacidi, enzimi, proteine e zuccheri naturali. I suoi componenti risultano perfetti anche per donare il corretto nutrimento sia al terreno sia alle piante in esso coltivate.

Bicchiere di latte

L’utilizzo del latte in agricoltura ha origini antichissime, ma con il tempo si è perso ed è un vero peccato, vista la sua efficacia, come vedremo a breve. Va detto che il latte in agricoltura si può usare sia crudo che cotto, anche se si consiglia crudo per garantire che le sue proprietà non vengano alterate in nessun modo da un’eventuale cottura. Il latte scremato può essere utilizzato così com’è, mentre quello intero va diluito in parti uguali con acqua.

Ecco che con i nostri preziosi consigli si potrà riciclare sia il latte scaduto, che altrimenti avremmo buttato, sia i residui contenuti all’interno del cartone o della bottiglia, che sarà sufficiente diluire con acqua: nulla si spreca di questo fondamentale alimento!

Abbiamo già visto come si possano usare caffè e cenere per le piante, ora andiamo ora ad esaminare quelle che sono le proprietà del latte e i suoi utilizzi agricoli, che sono particolarmente interessanti, dato che ci consentono di evitare il ricorso a sostanze chimiche o industriali, le quali poi tendono ad insinuarsi nel terreno. Quindi, utilizzando il latte, non solo ci serviamo di un prodotto del tutto naturale, ma andiamo anche a risparmiare in termini economici, cosa che non guasta mai.

Le proprietà del latte in agricoltura

latte

Come si è detto, diverse sono le proprietà del latte, che ne fanno un ingrediente molto versatile per quanto concerne la cura e la coltivazione di piante sia ornamentali sia da frutto. Abbiamo già visto che si utilizza per esempio per la pulizia delle foglie delle piante, vediamo ora tutti gli altri usi del latte per piante e fiori.

Disinfettante

Questo utilizzo del latte è molto utile nel caso una pianta venga colpita da una qualsiasi malattia e si debba procedere alla rimozione dei rami malati, onde evitare che il problema si diffonda, passando da una pianta all’altra, con le conseguenze che possiamo immaginare. Si consiglia di usare il latte come disinfettante per gli strumenti da potatura, preferendolo ad eventuali sostanze che possono risultare tossiche per la pianta stessa. È sufficiente immergere questi strumenti nel latte per disinfettarli in maniera più che adeguata e procedere alla potatura richiesta.

Insetticida

Il latte può essere impiegato come insetticida tutto naturale, in quanto gli zuccheri in esso contenuto risultano un vero e proprio veleno per tutti gli insetti dotati di corpo morbido (come ad esempio gli afidi, ovvero i pidocchi delle piante). Per realizzare questo insetticida naturale, basta versare all’interno di uno spruzzino del latte scremato (oppure del latte intero diluito in parti uguali con acqua) e provvedere a spruzzare la soluzione creata sulle foglie e sul resto della pianta, così da proteggerla dagli insetti.

Fungicida

Il latte è anche un fungicida naturale e per sfruttare anche questa sua qualità occorre servirsi della soluzione di cui abbiamo parlato precedentemente e spruzzarla sulle foglie delle piante, così da proteggerle dall’aggressione sia di funghi sia di muffe. E non solo: infatti, in questo modo, riusciamo anche a far assorbire meglio dalla pianta gli eventuali pesticidi chimici utilizzati, evitando che si disperdano all’interno del terreno a causa di vento o pioggia.

Insetticida

Grazie al calcio, alle proteine e anche alle vitamine in esso contenute, il latte è un ottimo fertilizzante completamente naturale, che può essere utilizzato a cadenza mensile. Come? Sfruttando la già citata soluzione di acqua e latte (o solo latte, nel caso di quello scremato), che può essere spruzzata solo sulle foglie oppure versata direttamente nel terreno, intorno alla base della pianta che vogliamo nutrire.

Anti-marcescente

Una volta al mese si può sfruttare l’azione anti-marcescente del latte. Irrigando il terreno con la soluzione ormai nota a base di latte, si può fare in modo che i frutti non marciscano più sulle piante, prima del raccolto, fenomeno fastidioso che ci costringe a liberarci degli amati prodotti delle nostre piante. Infatti, i frutti tendono a marcire prima del raccolto a causa della carenza di calcio all’interno del terreno.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO