Annaffiare le piante con filo di lana: quando e come farlo

Il fine settimana si avvicina e dopo tanti ripensamenti hai finalmente deciso: si parte per un bel weekend! Relax, divertimento e indimenticabili momenti da incorniciare come fossero fotografie, ma… come fare se non potrai prenderti cura delle tue bellissime piante e non trovi nessuno disposto a farlo durante la tua assenza, proprio ora che magari stavi iniziando a vedere i frutti del tuo impegno dopo tanta pazienza?

La risposta è semplicissima: prima di correre a fare le valigie scopri come usare il filo di lana per annaffiare le piante. Ecco quindi quando usarlo: quando non sei presente per innaffiare le piante, quindi principalmente in caso di viaggi di breve durata.

Occorrente necessario

Tutto ciò di cui avrai bisogno sarà:

  • un vaso o un recipiente di media/grande dimensione
  • un gomitolo di lana, meglio se di pecora, in quanto l’intreccio naturale delle fibre riuscirà a trattenere meglio l’acqua.
filo di lana per annaffiare piante

Come fare

Inizia con il disporre le tue piante in una stanza luminosa tenendo conto, oltre che dello spazio a tua disposizione, del fabbisogno di luce di cui queste necessitano.

Un consiglio utile è quello di collocare le piante che tendono ad avere più bisogno di luce solare, ad esempio i tulipani, vicino alla finestra, mentre altre, come le ortensie o ciclamini, si trovano a proprio agio anche in scarse condizioni di luminosità.

Verifica anche che la stanza sia fresca per far acclimatare le piante ed evita che ricevano la luce in modo diretto.

A questo punto disponi il tuo vaso o recipiente in modo tale che si trovi ad un livello lievemente sopraelevato rispetto alle piante, sfruttando ad esempio un tavolino o uno sgabello, e riempilo d’acqua fino all’orlo.

Srotola il gomitolo di lana, taglia dei fili di diversa lunghezza e immergi ciascun pezzetto nel vaso, facendo attenzione a lasciarne un capo in ammollo al suo interno e ad inserire l’altro interrandolo nel terreno di ciascuna pianta, applicando un po’ di pressione, in modo tale che l’acqua possa scorrere a poco a poco da un’estremità all’altra.

La scelta del tipo di lana è molto importante, la lana naturale infatti, a differenza di altri tipi di fibre, come cotone o sintetici, garantisce un efficace assorbimento delle molecole di acqua e, di conseguenza, un migliore rilascio una volta inserita all’interno del terreno presente nel vaso.

Eventualmente potresti anche utilizzare più vasetti andando a creare una serie di piccoli dispenser d’acqua, scegliendo di irrigare due o tre piante vicine da uno stesso vasetto o, ancora, potresti collocare un vasetto accanto ad ogni pianta cosicché quest’ultima possa attingere direttamente da questo.

Un’ulteriore idea per ottimizzare il tutto potrebbe essere quella di legare un sassolino, o comunque qualcosa che appesantisca il filo di lana, ad una o ad entrambi i capi di quest’ultimo con una duplice funzione: non solo le goccioline d’acqua saranno direzionate nel cuore del terreno, ma la pianta potrà nutrirsi anche quando sarà rimasta pochissima acqua sul fondo del recipiente, proprio perché, grazie al sasso, il filo di lana si verrà a trovare a diretto contatto con l’acqua sfruttando a pieno tutta la capacità del vaso e il potere assorbente delle fibre del filo.

Sarà poi compito tuo capire di quanta acqua necessitino le piante in base al tipo, ovviamente, e anche prestando attenzione al clima che ci sarà durante il periodo in cui hai scelto di partire.

Un sistema geniale ed economico allo stesso tempo, in cui dei semplici fili di lana funzionano come dei piccoli acquedotti sfruttando le leggi della fisica!

Naturalmente questo metodo è efficace e abbastanza affidabile nel momento in cui ci si assenta per qualche giorno, se invece pensi di programmare una vacanza più lunga o di mancare per un periodo che va da 7 a 10 giorni, faresti meglio ad organizzarti con un buon sistema di irrigazione.

Ecco, adesso sei pronto per ultimare le valigie e partire in totale tranquillità lasciando le tue piante in “fili” sicuri!

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO