Quando piantare i carciofi e altre regole per coltivarli bene

I carciofi, con le loro grandi foglie verde-argento e gli steli spessi sormontati da infiorescenze simili a pigne, oltre che buoni da mangiare hanno la caratteristica che le piante aggiungono un forte elemento decorativo agli orti.

piante di carciofi in fiore

Così come abbiamo già visto per i pomodori, ecco alcune cose che è necessario sapere sulla coltivazione dei carciofi. Le piante di carciofo prosperano meglio dove prevalgono inverni miti ed estati fresche ed umide. In tali condizioni di crescita, sono piante perenni, che producono raccolti fino a 5 anni. Dove gli inverni offrono solo poche notti gelide, le piante a volte svernano quando vengono potate e pacciamate. L’altra cosa importante è come sappiamo, che esiste un calendario da seguire per la semina, che indica quando è opportuno piantare ogni seme. Vediamo quindi quando seminare i carciofi.

Come capire quale sia il periodo migliore per piantare carciofi?

Nelle regioni più fredde, bisogna trattare i carciofi come piante annuali e piantarle in primavera. Nelle aree umide, dal clima temperato e prive di gelo sarà invece opportuno iniziare la coltivazione di carciofi in autunno.

I carciofi hanno bisogno di una lunga stagione di crescita, quindi i giardinieri nordici e alpini dovrebbero iniziare la semina al chiuso sotto le luci 8 settimane prima dell’ultima data di gelo. I semi andranno collocati a 0,6 cm di profondità, a 0,6 cm di distanza tra loro e coperti con 0,6 cm di vermiculite fine o terriccio setacciato. I semi di carciofo germinano in 10-20 giorni, prima, se vengono mantenuti umidi a 18-24 ° C. Bisogna aspettarsi una germinazione del 70% circa, quindi sarà meglio seminare abbondantemente.

carciofi in orto

Tolleranza al freddo dei carciofi

Per far svernare le piante nelle zone più fresche, è necessario tagliarle a 20-25 cm alla fine di ottobre, quindi coprire il ceppo con 25 cm di paglia o foglie morte per proteggerle dal gelo. In primavera, si può scoprire il ceppo per farlo germogliare.

Le piante crescono durante l’inverno, sviluppano una grande vegetazione a marzo e aprile, quindi fioriscono a maggio. Si raccolgono prima i carciofi grossi e densi dal centro della pianta, poi si sfrutta l’abbondante seconda fioritura che segue fino a metà giugno.

A luglio, con l’arrivo del picco del caldo estivo, la fioritura sarà ridotta. Riprenderà in agosto. I carciofi sfogliano in autunno e crescono durante l’inverno, quindi fioriscono di nuovo la primavera successiva.

carciofi

Ogni pianta produce per 4-5 anni, con i fiori secondari che diventano più piccoli e più numerosi negli anni successivi, perché producono da rami laterali dal fusto principale.

Quando si coltivano i carciofi, è opportuno impostare il tempo in modo che le piantine abbiano 10-12 giorni con temperature inferiori a 10 ° C, per incoraggiare la radicazione precoce e una fruttificazione più lunga.

Mentre le piante di carciofo mature hanno una certa tolleranza al gelo, le piantine giovani sono vulnerabili, quindi bisognerà proteggere le piantine dalla notte e dal gelo mattutino con un telo pacciamante, durante questo periodo.

Preparazione del giardino per la coltivazione di carciofi

Sebbene i loro antenati fossero erbacce, i carciofi sono selezionati per crescere in terreni più ricchi, quindi è bene modificare il suolo in cui si intende piantare i carciofi con 5-8 cm di buon compost da giardino o letame maturo assicurando queste grandi piante molto spazio se si desidera una buona resa. I carciofi possono sopportare le condizioni del suolo alcaline meglio della maggior parte delle verdure dell’orto. Il pH ottimale per la coltivazione dei carciofi è 6,5-7,0. Proprio per questo motivo, non usate la cenere come fertilizzante per i carciofi.

Lavora il letame o il compost nei primi 25 cm di terreno prima di piantare, insieme a un po’ di calce dolomitica, gusci d’uovo essiccati e macinati o gusci di ostriche macinati che forniranno alle piante il calcio supplementare. Per tenere le erbacce lontane dai letti di carciofi fornire alle piante uno spesso pacciame, specialmente nelle aree di coltivazione settentrionali.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO