Quando piantare i bulbi di narciso per godere della loro fioritura primaverile

I narcisi sono fiori molto profumati e dai toni caldi e luminosi. Il loro nome evoca il mito della bellezza irraggiungibile dell’antico mito greco di Narciso. Questo fiore ha il potere di dare un tocco di bellezza ed eleganza a un giardino, a un terreno di aperta campagna o a un’aiuola. Cresce anche in vaso, quindi è perfetto anche per abbellire il balcone o le stanze della nostra casa.

I bulbi di narciso si piantano in autunno e in un terreno non troppo drenato. Sono molto semplici da coltivare perché hanno bisogno di poca acqua per crescere e in primavera, una volta maturato il suo splendido fiore, si può godere finalmente della loro bellezza.

Campo di narcisi gialli

I migliori periodi in cui seminare

Il momento migliore per piantarli è in autunno inoltrato, tra ottobre e novembre, prima delle gelate invernali, in modo da preparare le radici e far sì che siano pronte per la primavera. È vero anche che una messa a dimora precoce, anche a metà settembre, favorisce un migliore radicamento.

Lo stelo svilupperà il fogliame e i fiori che sbocceranno a partire dalla primavera. Una delle necessità di questa pianta perenne, che anno per anno darà sempre più fiori senza dover essere sradicata dal terreno, è quella di non ricevere troppa acqua. Questa precauzione è fondamentale per ottenere una pianta sana e rigogliosa.

Il terreno ideale, o la posizione dove si colloca il vaso, deve essere quanto più possibile esposta al sole. L’ideale è all’ombra di una pianta più grande o di un albero. Questa posizione consentirà al fiore di germogliare al meglio, poiché il terreno sarà esposto al sole in maniera alternata e conterrà la giusta quantità d’acqua non essendo esposta senza protezione alla pioggia.

Un fiore che nasce dal bulbo

I fiori di narciso nascono da una pianta bulbosa di tipo perenne che fiorisce in primavera. Viene detta “bulbosa” perché sviluppa foglie e fiori a partire da un bulbo sotterraneo (come il tulipano).

Dalla testa si sviluppa lo stelo che darà vita alla pianta, che varia dai 30 agli 80 cm di altezza, mentre dalla coda si svilupperanno le radici che si ancorano al terreno. Quando si acquistano dei bulbi di narciso, è consuetudine trovarli raccolti in due o tre attaccati tra di loro. In linea generale, non è mai consigliabile piantare più di cinque bulbi insieme in quanto la troppa vicinanza può compromettere la buona crescita della pianta.

Come piantare i bulbi

Narcisi bianchi in vaso

I bulbi per maturare hanno bisogno di un terreno ben sciolto. In un terreno di aperta campagna, i bulbi devono essere piantati scavando delle buche di circa 20 cm di profondità e vengono interrati a 12-15 cm dalla punta fino alla superficie. È importante mantenerli distanziati tra di loro di qualche centimetro affinché non si soffochino l’uno con l’altro durante la crescita.

Si piantano a testa in su e si ricoprono di terra assicurandosi che restino distanziati. Se vengono piantati in un vaso, possono essere piantati più vicini, ma a non meno di dieci centimetri l’uno dall’altro. I bulbi vanno interrati facendo un po’ di pressione sulla terra e lasciando affiorare leggermente la parte superiore.

Per avere un buon risultato nella semina nei vasi, il consiglio è quello di mettere, insieme a un terriccio ben sciolto e umido, una base di argilla espansa sul fondo del vaso o dell’area di piantagione dove piantare i bulbi, sempre a testa in su, sempre con la testa a pelo di superficie.

In alternativa all’argilla, sempre abbinato a una terra franca vegetale, si può aggiungere una parte di terriccio da piantagione e una parte di sabbia grossolana. Non bisogna dimenticare di innaffiare il bulbo appena messo a dimora, e di farlo di tanto in tanto se non lo si espone all’acqua piovana. Se la pianta viene messa in un terreno aperto, basterà il decorso naturale della pioggia per dargli la giusta quantità di acqua.