Come piantare il peperoncino? Tutte le cose da sapere

Il peperoncino, nelle sue molteplici varianti di piccantezza e colore, è una coltivazione molto diffusa in Italia. Il frutto della pianta, oltre ad essere un elemento comune nella tradizione culinaria mediterranea insieme a basilico, prezzemolo, origano e altre erbe, presenta numerosi benefici per l’apparato cardiocircolatorio e digestivo.

Essendo tecnicamente una bacca dello stesso genere del peperone, è ricco di antiossidanti. Il peperoncino presenta in aggiunta varie concentrazioni di capsaicina, un composto chimico che gli conferisce la caratteristica piccantezza.

Come procedere quindi per coltivare questo ortaggio nel nostro orto?

Seminare il peperoncino

peperoncini rossi e verdi

Se vogliamo osservare il ciclo completo di crescita della pianta dalla germinazione al frutto, la coltivazione del peperoncino parte dall’acquisto dei semi della varietà scelta. Partire dalla semina ci consente inoltre di utilizzare i semi di peperoncini di precedenti coltivazioni, garantendoci una coltivazione autosufficiente nel corso degli anni.

Conoscere accuratamente le caratteristiche climatiche della nostra zona è essenziale per scegliere la varietà, la stagione e il metodo di coltivazione più adatto per il peperoncino. Se il nostro orto non presenta le condizioni ottimali, l’uso di un semenzaio o una serra riscaldata può permetterci di coltivare questo ortaggio anche in climi meno caldi e soleggiati.

In questo modo i semi potranno essere piantati tra gennaio e febbraio in un ambiente controllato, germinare durante l’inverno, per poi essere trapiantati definitivamente nell’orto in primavera quando le temperature lo consentiranno. In alternativa sono acquistabili nei vivai le piantine già cresciute, che possiamo direttamente situare in vaso o nel nostro orto all’arrivo dei primi caldi primaverili.

Per coltivatori più esperti può mostrarsi utile considerare il ciclo lunare per scegliere il momento giusto per la semina: come altri ortaggi da frutto, secondo la tradizione i peperoncini andrebbero piantati in luna crescente.

Come seminare il peperoncino

La semina vera e propria del seme del peperoncino non differisce particolarmente da quella degli altri ortaggi: se vogliamo garantire la crescita di radici forti e una germinazione corretta è consigliabile acquistare del terriccio adatto e composto precisamente per quest’uso. I terricci da semina presentano infatti un pH ottimale, sono leggeri e privi di zolle argillose che ostacolerebbero la crescita della piantina.

I semi vanno piantati singolarmente a circa 5 millimetri di profondità nel terriccio, che non deve essere eccessivamente compattato.

Una volta avvenuta la semina, la superficie va inumidita leggermente, cercando di non dissotterrare il seme appena piantato. Un sottovaso o contenitore può essere usato per mantenere stabile l’umidità attorno ai germogli, ma attenzione: un eccessivo ristagno può portare allo sviluppo del marciume radicale nelle giovani piantine.

La germinazione

Durante il corso del periodo di germinazione dei nostri semi di peperoncino, è essenziale mantenere nella nostra serra o semenzaio le condizioni di luce, umidità e calore ideali per questo ortaggio. La temperatura dovrebbe aggirarsi attorno ai 20 gradi e l’umidità dell’ambiente dovrebbe essere mantenuta all’80-90%.

Se la luce naturale dovesse mostrarsi inadatta per la crescita delle piantine è bene munirsi di un’illuminazione artificiale adatta allo scopo. Un chiaro indicatore di una luce non sufficiente per la crescita dei nostri germogli è l’allungamento eccessivo dello stelo, che porta all’indebolimento della piantina e l’incapacità nel sostenere i peperoncini durante la stagione di fruttificazione.

Trapianto nell’orto

pianta di peperoncino

Una volta che le piantine avranno raggiunto l’altezza di 20-30 cm e sarà arrivata la primavera, giungerà il momento di metterle a dimora nel nostro orto o in vaso nel nostro giardino.

Diverse varietà di peperoncino hanno distinti tempi di maturazione e quantità di fruttificazione variabili. Coltivate in modo corretto, le piante di peperoncino matureranno il loro raccolto prima della stagione fredda, consentendovi così di ottenere i frutti del vostro lavoro.

I semi rimanenti dopo l’uso culinario possono essere asciugati e conservati in un luogo fresco e asciutto: il ciclo di semina e raccolta può essere così ripetuto l’anno successivo.